Langhe Nebbiolo 2018 Olek Bondonio Bio

Langhe Nebbiolo 2018 Olek Bondonio
Iscriviti per gli avvisi sul prezzo
Il nostro parere:
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
Anno: 2018
Cantina: Olek Bondonio
Regione: Piemonte

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: 30,00 €

Promo 26,70 €

Tipo di vino
Rosso
Aroma del vino
Floreale, Minerale, Speziato, Tostato, Fruttato
Ideale con
Carni rosse, Selvaggina da pelo, Selvaggina da piuma

Descrizione

Dettagli

Vitigno Nebbiolo 100%. Fermentazione in botti di cemento, svolta dai lieviti indigeni della vigna. Fermentazione malolattica anch’essa svolta dai batteri indigeni, in botti di legno dalla capacità di 1000/1600 litri, per circa 18 mesi. Senza chiarificazione o filtrazioni. Fin da giovane si denotano le caratteristiche uniche del Nebbiolo con profumi tipici violetta e una nota di terriccio bagnato dalla pioggia.

Caratteristiche

Ulteriori informazioni

Prizes

Premi e riconoscimenti

  • Dolce-Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
Cantina Olek Bondonio   Annata 2018
Origine Piemonte   Colore Rosso
Formato Bottiglia standard (750 ml)   Denominazione Piemonte DOC
Tipologia Rosso   Titolo Alcolometrico 14,5%
Temperatura di servizio 14-16°C   Aroma del vino Floreale, Minerale, Speziato, Tostato, Fruttato
Abbinamento Carni rosse, Selvaggina da pelo, Selvaggina da piuma   Occasione d'uso Cena/Pranzo di lavoro, Evento speciale, Per stupire, Serata romantica, Serata tra amici
Vitigni Nebbiolo 100%      

Cantina

Olek Bondonio
Olek fonda nel 2005 la sua azienda agricola nella Cascina La Berchialla che da più di duecento anni è di proprietà della sua famiglia a Barbaresco. Prima di tornare a casa e far rendere i frutti della sua terra si destreggia con successo con lo snowboard, ma segue la passione che fin da piccolo gli hanno ispirato i paesaggi della cascina e la passione di nonno Riccardo: studia agraria prima ed enologia all’università, facendo esperienza a Bordeaux, in Australia, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Al ritorno a casa si sente pronto a dare una propria impronta all’arte di fare vino, con il suo bagaglio di studi ed esperienze all’estero, ma con la consapevolezza e la forza della tradizione contadina di Langa. Fin da subito evita l’uso di pesticidi in vigna, seleziona le uve in estate per tenere le rese basse, vinifica senza l’ausilio di lieviti selezionati ma solo con poca solforosa, nessuna filtrazione all’imbottigliamento: ottiene vini precisi e rotondi, senza sbavature ma sanguigni e a volte austeri, nel caso del Re delle Langhe, il Nebbiolo. Gestisce due ettari di proprietà nel comune di Barbaresco, il suo cru è il Roncagliette. Da pochi anni ha in affitto altri due ettari tra il comune di Neive ed Alba e ha quindi iniziato ad imbottigliare il Barbaresco generico, ed etichettare separatamente il suo cru, il Roncagliette.