Cidre 2017 Stefan Vetter Bio

Cidre 2017 Stefan Vetter
Iscriviti per gli avvisi sul prezzo
Il nostro parere:
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
  • Dolce-Vite
Anno: 2017
Cantina: Stefan Vetter
Regione: Germania

Disponibilità: Disponibile

Prezzo di listino: 20,00 €

Promo 17,00 €

Tipo di vino
Biodinamico
Aroma del vino
Fragrante, Minerale, Fruttato
Ideale con
Crostacei, Fritture, Pizza

Descrizione

Dettagli

Nelle parole dell'importatore Vom Boden, Stefan Vetter è "f-ing punk rock". È un enologo a Franken, in Germania, che sostiene l'uva silvanica coltivata su vigneti ripidi e terrazzati. È in prima linea nel movimento naturale del vino in Germania, coltivando biologicamente e biodinamicamente, lavorando solo con vecchie viti. E fa anche questo sidro! È un sidro delizioso, pieno di bolle, tutto naturale, coltivato biologicamente e senza zolfo, ottenuto da cinque varietà indigene di mele della Franconia. Molto secco, ha una struttura rotonda con un corpo medio e una struttura tannica decisa, dominato da un persistente, sapore di mela puro con un pizzico di sauvage. Biologicamente cresciuto.

Caratteristiche

Ulteriori informazioni

Prizes

Premi e riconoscimenti

  • Dolce-Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
    • Dolce Vite
Cantina Stefan Vetter   Annata 2017
Origine Germania   Colore Ambrato
Formato Bottiglia standard (750 ml)   Denominazione No
Tipologia Biodinamico   Titolo Alcolometrico No
Temperatura di servizio 08-10°C   Aroma del vino Fragrante, Minerale, Fruttato
Abbinamento Crostacei, Fritture, Pizza   Occasione d'uso Aperitivo, Cena/Pranzo di lavoro, Evento speciale, Feste, Meditazione
Vitigni Mele      

Cantina

Stefan Vetter
Giovanissima cantina sita in Franconia, aperta dal 2010, ma ha già dato prova di un’eccellente qualità produttiva. Un fazzoletto di appena due ettari e mezzo di vigna, che si arrampica sui decisi declivi di Gambach, Wiesenfeld e Castell, tutti convertiti in agricoltura biologica per appena qualche migliaio di bottiglie l'anno, frutto di una filosofia rispettosa dell’ambiente, che si concede l'impiego di ridottissime quantità di solfiti come unico additivo enologico. Le fermentazioni sono rigorosamente spontanee, con affinamenti in acciaio o in botte che esaltano i vitigni locali senza snaturali.